COMUNICAZIONE NON VERBALE Andrea Rutta

pp02

 

REFERENTE DEL PROGETTO

Andrea Rutta, attore e psicomotricista. Telefono 331 9117638
email: andrea.rutta@gmail.com 

“Il corpo che parla”

La comunicazione non verbale, a teatro e nella vita di tutti i giorni.

Laboratorio propedeutico aperto a tutti.

 

15 incontri dal 15 novembre al 7 marzo, tutti i giovedi sera dalle 20.00 alle 23.00

 

Nella vita di tutti i giorni il nostro corpo parla, anche senza che ce ne rendiamo conto.

La maggior parte della comunicazione con gli altri è fatta di linguaggio non verbale: la

postura del corpo, la mimica facciale, il modo di gesticolare, l’uso che facciamo dello

spazio che ci circonda sono segnali che vengono continuamente recepiti e interpretati

dalle persone che abbiamo di fronte.

 

Conoscere e padroneggiare questo linguaggio è quindi di evidente importanza per

trasmettere al meglio il messaggio che intendiamo far giungere agli altri.

Nell’ambito delle nostre relazioni interpersonali sovente sono proprio i segnali non verbali

a creare incomprensioni; in quello educativo lo studio della comunicazione non verbale ha

un ruolo fondamentale, in quanto da essa può dipendere il successo o l’insuccesso

dell’apprendimento e dell’azione didattico-educativa.

 

Per quello che riguarda il lavoro dell’attore, infine, l’utilizzo corretto della grammatica del

corpo contribuisce in maniera essenziale alla costruzione di un personaggio credibile ed

efficace ed alla sua percezione da parte del pubblico.

 

Il percorso proposto ha l’obiettivo di far prendere dimestichezza con questo linguaggio,

attraverso una metodologia che passa attraverso il corpo e la percezione della sua

globalità in uno scambio continuo con il gruppo, in grado di portare ad un apprendimento

rapido ed efficace e di tener conto degli obiettivi personali di ogni partecipante.

 

Il gioco e la relazione con l’altro sono le basi del lavoro che verrà svolto, anche attraverso

lo studio e la messa in scena di testi teatrali selezionati dagli stessi partecipanti.

 

Tramite esercizi mirati ed esperienze di vissuti personali, di volta in volta supportati da

introduzioni teoriche o commenti di accompagnamento, sarà possibile sviluppare la

capacità di ascolto dell’altro e di comunicazione del proprio vissuto emotivo, migliorare la

creatività espressiva e la prontezza d’azione e reazione, scoprire le proprie competenze

inconsce e capire meglio le eventuali credenze limitanti che possono condizionare la

propria azione scenica e l’interazione con l’altro.

 

Il laboratorio è aperto a persone di ogni età che desiderino divertirsi, mettersi in gioco e

socializzare, approfondendo il linguaggio del corpo e la comunicazione non verbale, come

strumento creativo e di crescita personale, all’interno di un percorso a base